Cultura del dormire

L’importanza di un sonno di qualità

Se la quantità di ore di sonno varia da persona a persona, la qualità del riposo è l’obiettivo che tutti devono perseguire.
In generale, ed è sempre importante sottolinearlo, un sonno di qualità è un toccasana per il benessere di ciascuno: quando si dorme bene, durante il giorno si ha più energia, si è più allegri e più attivi, migliorano le relazioni interpersonali; inoltre, concentrarsi è più facile e la mente rimane più sveglia.
Uno dei problemi per chi non dorme bene - purtroppo un fenomeno comune e molto diffuso - consiste nella sonnolenza diurna che può rappresentare un rischio gravissimo per la salute.
Se di giorno “si casca dal sonno” è perchè si è dormito male di notte, ma spesso non ci si rende neppure conto di questo problema.
Purtroppo, dati e statistiche generali confermano che sono molte le persone che non riescono ad ottenere un sonno di qualità; le
indagini finora svolte hanno messo in evidenza i problemi legati alla scarsa qualità del sonno, che spesso possono diventare di tale gravità da richiedere l’intervento medico e farmacologico.
Si stima che negli Stati Uniti circa il 50% della popolazione dorma in maniera insufficiente o insoddisfacente; in Europa, mediamente 34 europei su cento hanno disturbi legati all’insonnia: questo è quanto emerso da una recente indagine condotta su un campione di duemila persone rappresentanti della popolazione italiana, francese, tedesca e inglese. Tra questi, i maggiori disagi li avvertono le donne, circa il 60% degli insonni, e gli adulti oltre i 55 anni; si osservano però dati preoccupanti anche tra i più giovani.
Le ricerche effettuate in questi ultimi anni hanno confermato che, oltre alla popolazione che soffre di insonnia, c’è un 7-8% di adulti, tendenzialmente oltre i 40 anni, che pur convinti di dormire bene, soffrono di sonnolenza durante il giorno. Questo dimostra che sulla reale qualità del sonno esiste un’alterata percezione. Le conseguenze per chi dorme male possono essere molteplici e pericolose: sonnolenza diurna, microsonni, cambiamenti di umore, stati d’ansia, depressione oltre al pericolo di rischiare, nei casi più gravi, anche problemi cardiovascolari; per non parlare degli incidenti automobilistici che avvengono per i colpi di sonno del guidatore. Si registra, inoltre, la diminuizione delle capacità di concentrazione e di memoria con una ridotta dinamicità generale.
Un sonno di qualità è essenziale sia per ottenere prestazioni psico-fisiche ottimali che per rinforzare le difese naturali dell’organismo, proteggendolo meglio dalle malattie e prevenendo l’insorgere di disturbi e patologie.

simmons